VISIONI | RAIY – In Conversazione Con Liliana Mele

"Avevo già studiato teatro, e stando lì in Etiopia mi è venuta spontanea questa domanda: studio molto sul teatro italiano, francese, inglese, spagnolo, ma ci sarà una storia del teatro qui in Etiopia, o anche in Africa in generale? Sentivo proprio un buco, una mancanza di informazioni," confessa l'attrice Liliana Mele.

di GRIOT - Pubblicato il 21/10/2021

Dal cinema alla TV, al doppiaggio ai cortometraggi indipendenti fino ad arrivare al teatro, Liliana Mele ha dedicato la sua vita alla recitazione.

La partecipazione a Miss Italia nel Mondo a soli 17 anni la lancia nel mondo dello spettacolo. Dopo aver fatto il suo esordio cinematografico a fianco di Carlo Verdone in L’Amore è Eterno Finchè Dura, colleziona una serie di esperienze televisive che la vedono interpretare diversi ruoli di protagonista e co-protagonista.

Ospite del primo incontro di VISIONI | RAIY, Liliana ci racconta il suo esordio nel mondo della recitazione, il suo percorso accademico, l’amore reverenziale per il teatro che la spinge ad andare alla ricerca della letteratura e della tradizione del teatro etiope durante il regno di Haile Selassie. Una ricerca non solo culturale ma anche personale che trasforma nella sua tesi di laurea magistrale in Arte e Scienze dello Spettacolo.

VISIONI | RAIY è una serie di conversazioni con artistз e creativз italo-etiopi. Esploriamo la loro vita, il loro lavoro e la loro visione—raiy, in amarico—sulle diverse sfumature dell’essere Italianз ed Etiopi, tra presenza e assenza entro confini geografici, sociali, culturali e linguistici.

VISIONI | RAIY, a cura di e prodotto da GRIOT in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Addis Abeba, è presentato in occasione della XXI Settimana Della Lingua Italiana Nel Mondo (18-24 Ottobre 2021).

Segui GRIOT Italia su Facebook, @griotmagitalia su Instagram Iscriviti alla nostra newsletter

Questo articolo è disponibile anche in: en

Art & Culture, Music, Photography, Style, Video
GRIOT
+ posts

Condividere. Ispirare. Diffondere cultura. GRIOT è uno spazio nomadico, un botique media e un collettivo che produce, raccoglie e amplifica Arti, Cultura, Musica, Stile dell’Africa, della diaspora e di altre identità, culture e contaminazioni.