Una Nuova Quadriennale Di Roma | Il Programma 2022-2024

Lunedì 7 marzo è stata presentata la 95° edizione della Quadriennale di Roma. A partire dalla nomina dell’artista Gian Maria Tosatti come direttore artistico, si prospetta un’edizione ambiziosa e al passo con i tempi.

di Anna Milano Brandalise - Pubblicato il 08/03/2022
Gian Maria Tosatti

Tosatti ha proposto diversi progetti e iniziative—tutti raggiungibili sul sito e nell’archivio digitale ArBiQ—in cui il fil rouge è costituito dalla volontà di rafforzare la ricerca sull’arte contemporanea italiana, con un accento particolare sull’arte del XXI secolo, insieme alla promozione dellз artistз anche all’estero: “Spero di riuscire a disegnare con le attività condotte in questo triennio un profilo che collochi Quadriennale in una posizione che oggi è davvero necessaria nel nostro sistema culturale. Penso che l’arte italiana abbia bisogno di una istituzione scientifica che porti avanti con costanza, metodo e credibilità indagini critiche sulla scena contemporanea italiana,” ha dichiarato Tosatti.

Si inserisce perfettamente in questo quadro la collaborazione con la casa editrice Treccani dalla quale è stata concepita Quaderni d’arte italiana, una rivista di settore con cadenza trimestrale, uno spazio di indagine e riflessione sull’arte italiana del XXI secolo. Sulla rivista saranno pubblicati gli esiti di un’altra proposta di Tosatti: Panorama, un fittissimo programma di studio visit—circa 30 al mese—distribuito in tutte le regioni italiane.

Per rendere ancora più concrete le ambizioni sulla ricerca è stato concepito anche un network interuniversitario—il cui coordinamento è stato affidato alla storica dell’arte Raffaella Perna—che prevede seminari, momenti di confronto tra le/i varз attorз degli atenei e borse di studio, il tutto con il fine di promuovere la scrittura di tesi sull’arte contemporanea italiana e sul rapporto tra arti visive e digitale.

Ovviamente ci saranno delle mostre, per le quali è stato organizzato un team di 22 curatorз, che avranno luogo a partire da settembre 2022 e che avranno due linee principali: l’esposizione di pochissime opere—da una a tre—e un focus particolare sullз artistз emergentз. I testi critici redatti per le mostre confluiranno del volume annuale Arte italiana a 365°.

Costante sarà la promozione internazionale della scena artistica italiana all’estero, ad esempio attraverso la ricerca di sinergie con istituzioni affini, con progetti di mostre e residenze.

A coronare l’apertura e l’interattività di questa edizione Tosatti ha presentato Porta aperta, uno strumento “allegato” a tutti gli altri progetti che dà la possibilità ad altrз artistз e curatorз più emergenti di partecipare in qualsiasi momento, attraverso proposte artistiche o curatoriali, condivisioni e collaborazioni, aggiungendosi così a chi è già all’opera.

Curatorз

Giacinto Di Pietrantonio, Francesca Guerisoli, Paola Nicolin, Roberta Tenconi, Riccardo Venturi (centro Italia); Lara Demori, Nicolas Martino, Angel Moya Garcia, Marco Scotti, Marco Trulli (sud Italia); Daniela Bigi, Marcello Francolini, Lorenzo Madaro, Chiara Pirozzi, Alessandra Troncone (nord Italia).

Redazione rivista

Nicolas Ballario, Francesca Guerisoli, Nicolas Martino, Attilio Scarpellini, Andrea Viliani.

Anna Milano Brandalise

Segui GRIOT Italia su Facebook, @griotmagitalia su Instagram Iscriviti alla nostra newsletter
Anna Milano Brandalise
+ posts

Creativa e perfezionista, mi piacciono l’arte contemporanea, i fiori e il bricolage.