Tatyana Fazlalizadeh Avverte: “Stop Telling Women To Smile”

di Alexa Combs Dieffenbach - Pubblicato il 04/06/2015

Succede ogni giorno. A molte donne. Soprattutto quelle che vivono nelle città grandi dove l’anonimato di massa sembra giustificare comportamenti che nei piccoli centri difficilmente si avrebbero – fischi, frasi tipo “aho, ah bella. Perchè c’hai il broncio? Fammelo un sorriso!”

È una costante, è un atteggiamento che se ad alcuni può sembrare che alle donne faccia piacere perchè apparentemente lusinghiero, in realtà le fa sentire sminuite.

Probabilmente vi ricorderete della controversa campagna 10 Hours of Walking in NYC as a Woman o forse avrete visto la sua versione romana. In entrambi i video si possono notare le molestie verbali e fisiche a cui le donne sono sottoposte quando passeggiano per strada per fatti loro.

Tatyana Fazlalizadeh, tra gli street artist inseriti nell’annuale lista di Forbes 30 Under 30 – 2015, ha voluto evidenziare questo problema attraverso Stop Telling Women To Smile, campagna di sensibilizzazione nella quale l’artista ha attaccato sui muri di NY – e successivamente altre città – i ritratti di donne che durante le interviste le hanno parlato delle molestie vissute sulla loro pelle.

I ritratti sono realizzati a matita, accompagnati da frasi o citazioni “rivolte direttamente ai molestatori che agiscono negli spazi pubblici”.
griot-magazine-stop-telling-women-to-smile-Tatyana Fazlalizadeh-4 griot-magazine-stop-telling-women-to-smile-Tatyana Fazlalizadeh-5

La campagna, partita da Brooklyn nell’autunno del 2012 e nata dall’idea di Fazlalizadeh che la street art possa essere un potente strumento per combattere le molestie che avvengono per strada, è diventata globale e ha l’obiettivo di raggiungere quante più città possibili e raccontare le storie delle donne in tutto il mondo.

Stop Telling Wowen to Smile è arrivata a Mexico City a settembre 2014. È stata realzzata in partnership con Fusion Digital e continua a girare.

griot-magazine-Tatyana Fazlalizadeh_stop telling people to smile mexico_8griot-magazine-Tatyana Fazlalizadeh_stop telling people to smile mexico4griot-magazine-Tatyana Fazlalizadeh_stop telling people to smile mexico6griot-magazine-Tatyana Fazlalizadeh_stop telling people to smile mexico_9

Ognuno può infatti proporre la propria città come potenziale location per ospitare la campagna. Ad aprile, per esempio, il progetto, inserito nella Settimana Internazionale Anti-Molestie Di Strada – International Anti-Street Harassment Week, ha lanciato una call internazionale invitando le persone e le organizzazioni ad attacare nelle loro comunità poster legati alla campagna Stop Telling Women To Smile.

griot-magazine-france-stop-telling-woment-to-smile-tatyana-fazlalizadeh1
Francia
griot-magazine-berlin-stop-telling-woment-to-smile-tatyana-fazlalizadeh1
Berlino
griot-magazine-mexico2-stop-telling-woment-to-smile-tatyana-fazlalizadeh
Mexico
griot-magazine-usa-stop-telling-woment-to-smile-tatyana-fazlalizadeh2
Stati Uniti

SEGUI GRIOT Italia su Facebook, Instagram

Segui GRIOT Italia su Facebook, @griotmagitalia su Instagram Iscriviti alla nostra newsletter

Questo articolo è disponibile anche in: en

+ posts

Originaria di Anchorage, Alaska, sono storica dell'arte e art manager. Dopo aver provato a salvare le sponde del Tevere, oggi sviluppo programmi accademici legati all'arte e alla cultura. Dante Alighieri è stato un mio compagno di studi universitari.