‘Taste Of The Heavens’ | Joviale Ci Dà Un Assaggio Di Paradiso Nel Suo Nuovo Video

di Celine Angbeletchy - Pubblicato il 30/07/2019

Cresciuta a pane e Billie Holliday, la giovane ed enigmatica cantante nigeriana con base a Londra, Joviale, ha da poco fatto il suo elegantissimo ingresso nella scena avant-pop inglese, e con il suo nuovo video e singolo, Taste of the Heavens, si è conquistata un posto di rilievo nella colonna sonora della nostra estate 2019.

Nell’universo di Joviale, il timbro incisivo e la personalità stravagante accompagnano una produzione sofisticata caratterizzata da pause, field recording e reminiscenze che si fanno altro, evolvendosi all’interno dei brani. Seguendo la stessa logica, i videoclip, onirici e variopinti, raccontano il mondo reale in un’ottica sognante, impressionista, multidimensionale, facendosi il riflesso di un subconscio che si manifesta attraverso la musica, portando con sé ambienti, esperienze, emozioni e significati. In Taste of Heavens Joviale attinge infatti alla mitologia greca, in particolare alla storia di Narciso e alla tentazione di soccombere alla propria immagine.

Taste of the Heavens segue Ride Away, uscito il mese scorso via Dazed, e il singolo di debutto Dreamboat, brano che Joviale ha definito un sogno che può finalmente smettere di fare e che, con molta nostalgia, la vede soffiare bolle di sapone in un salotto in stile retro. Le tracce anticipano Crisis, l’EP che uscirà il prossimo 6 Settembre via Blue Flowers.

Segui Joviale e scopri le sue prossime date in tour qui.

Segui GRIOT Italia su Facebook e @griotmag su Instagram e Twitter | Iscriviti alla nostra newsletter

Immagine di copertina | Still video da Taste of the Heavens by Joviale

Vuoi segnalare un tuo progetto o news che vorresti leggere su GRIOT? Scrivi a info@griotmag.com

Segui GRIOT Italia su Facebook, @griotmagitalia su Instagram Iscriviti alla nostra newsletter

Questo articolo è disponibile anche in: en

Sono una persona molto eclettica con un’ossessione per la musica e la sociologia. Nata e cresciuta in Italia, Londra è diventata la mia casa. Qui creo beat, ballo, canto, suono, scrivo, cucino e insegno in una scuola internazionale.