Sufyvn | L’incofondibile Sound Elettronico Sudanese Arriva In Italia In Due Date Esclusive

di Celine Angbeletchy - Pubblicato il 12/10/2017

Le narrazioni culturali, artistiche e sociali di paesi come il Sudan sono sempre così poco accurate e intrise di un nonsochè di post-coloniale che farsi l’idea sbagliata di solito è più facile che arrivare ad intuire una parvenza di verità.

Sufyvn è un producer sudanese, il suo sound è inconfondibile e tra pochi giorni arriverà in Italia in due date esclusive, a Milano e Roma. Sufyvn racconta la sua storia in prima persona attraverso le sperimentazioni sonore che lo hanno portato a forgiare il suo sound unico e sofisticato. Un percorso che ha iniziato da bambino, all’età di sei anni, quando componeva beats per rapparci sopra, poi continuato una volta finito il liceo.

Con il suo ultimo EP, Ascension, che è uscito lo scorso marzo e pochi giorni fa ha raggiunto 3 milioni di play su Spotify, Sufvyn porta l’elettronica sudanese ad un nuovo livello artistico ed espressivo e apre nuove frontiere per tutta la musica IDM che raramente è stata mescolata a sonorità tradizionali in modo così originale.
griot mag Sufyvn ascension- s L’incofondibile sound elettronico sudanese arriva in Italia in due date esclusive

Lo abbiamo intervistato in vista delle sue perfomance live il 14 ottobre al Roodkapje (Rotterdam), il 15 Ottobre al Vinile, Milano, e il 17 Ottobre a Roma, a Le Mura, per scoprire di più su di lui, sulla sua musica e ricerca sonora, e sulla scena musicale elettronica in Sudan.

GRIOT: Come descrivi la tua musica?

Sufyvn: È sempre difficile rispondere a questa domanda, ma direi che la mia è musica elettronica che non si conforma a nessun genere specifico, ma presenta elementi distintivi sudanesi. Spesso, non sempre. A volte produco qualsiasi cosa mi sento di fare in un determinato momento, e potrebbe essere diverso da tutto quello che ho fatto fino ad ora. Quindi la risposta breve è: dipende.

Nelle tue produzioni usi strumenti d’epoca sudanesi e altre percussioni africane. Come fai ricerca a riguardo, dove li trovi e come hai sviluppato questo approccio artistico?

Li ricavo da molte fonti, da cassette e vinili, da file wav e anche da youtube a volte. Qualunque cosa su cui riesco a mettere le mani, basta che suoni bene e mi piaccia. Ricercare vecchi vinili sudanesi è probabilmente la cosa più difficile di tutte, perché online non si trova quasi niente. Direi che almeno la metà dei più grandi dischi prodotti e pubblicati in Sudan non si trovano su internet, a volte non si trovano le discografie intere di artisti famosissimi. Anche ricercare vecchie cassette è difficile, persino a Khartoum. Inoltre cerco e campiono anche altri strumenti tradizionali della musica asiatica, araba, afrocubana e haitiana. Qualsiasi cosa suoni bene!

Il tuo ultimo EP Ascension è un lavoro incredibile ed è stato accolto molto bene. Qual è il concetto e come lo hai composto?

Non c’è un concetto specifico dietro, ma è fondamentalmente il tipo di musica che ho sempre voluto fare, ma non avevo mai avuto abbastanza fiducia nelle mie capacità fino a quel momento. Utilizzando elementi sudanesi in un genere altrimenti moderno, può essere estremamente complicato ed è facile finire con un risultato noioso, generico e prevedibile – che è quello che cerco di evitare sempre a tutti i costi. Quindi mi ci è voluto molto tempo e tanta sperimentazione per essere un po’ più convinto, non lo sono ancora del tutto, ma ci sto lavorando.

Il modo in cui ho prodotto Ascension è diverso ai miei precedenti lavori perché ho iniziato a implementare strumenti come l’Oud, e l’ho suonato io questa volta, piuttosto che campionarlo. Ovviamente ho usato anche molti campioni, ma solo come suoni complementari.

griot mag Sufyvn - L’incofondibile sound elettronico sudanese arriva in Italia in due date esclusive
via

Che musica ascoltavi da piccolo?

Ascoltavo di tutto. Quando ero a scuola, la mia unica fonte di musica era MTV, quindi ascoltavo tutto ciò che apprezzavo e mi sembrava buono, ma soprattutto hip-hop.

Quali sono le tue principali influenze musicali?

Non credo di avere influenze importanti ma naturalmente ci sono musicisti mi hanno aiutato a modellare il mio suono in un modo o nell’altro, anche inconsciamente magari. Ad esempio, personaggi come J Dilla, lui è stato una grande influenza quando ho iniziato. Ma ascolto anche i musicisti sudanesi locali come Abdel Gadir Salim e Sharhabeel.

Sentiamo molto poco di ciò che succede realmente in campo musicale e artistico in Sudan. Com’è la scena elettronica a Khartoum?

Purtroppo la musica elettronica non è molto popolare qui. Solo poche persone la conoscono e la seguono, la cosa che si avvicina di più alla musica elettronica è un genere chiamato ‘Zanig’, che è musica tecnicamente elettronica abbinata a musica sudanese, alla dance e al reggae in un modo molto interessante. E direi che l’hip-hop è abbastanza diffuso.

Stai scrivendo nuova musica al momento?

Sì, produco sempre nuova musica, attualmente sto lavorando sul mio primo album completo e su alcune collaborazioni che dovrebbero uscire nel prossimo futuro.

Il 15 e 17 ottobre ti esibirai a Milano e Roma. È la tua prima volta in Italia? Cosa ti aspetti? E cosa possiamo aspettarci dal tuo set live?

Sì, questa sarà la mia prima volta e sono davvero entusiasta. Non ho aspettative perché è un nuovo territorio per me, ma farò un set interessante e cercherò anche di divertirmi.

Noi non vediamo l’ora di sentirlo dal vivo. Qui potete trovare più informazioni sui concerti di Milano (15 ottobre) e Roma (17 ottobre.)

SEGUI GRIOT Italia su Facebook e griotmag su Instagram e Twitter

Immagine di copertina | Foto di Mansour Omer, via

Vuoi segnalare un tuo progetto o news che vorresti leggere su GRIOT? Scrivi a info@griotmag.com

Segui GRIOT Italia su Facebook, @griotmagitalia su Instagram Iscriviti alla nostra newsletter

Questo articolo è disponibile anche in: en

Sono una persona molto eclettica con un’ossessione per la musica e la sociologia. Nata e cresciuta in Italia, Londra è diventata la mia casa. Qui creo beat, ballo, canto, suono, scrivo, cucino e insegno in una scuola internazionale.