Preservare Il Patrimonio Africano Nell’Era Digitale

Il 22 e 23 marzo Mutanu Kyany'a, responsabile dei programmi del museo MOWAA, e operatorɜ africanɜ del patrimonio digitale esplorano l'intersezione tra tecnologia e patrimonio culturale.

di GRIOT - Pubblicato il 22/03/2024

L’evento online, della durata di due giorni, riunisce lɜ operatorɜ del settore del patrimonio culturale africano per condividere le conoscenze acquisite con le attività di digitalizzazione del mondo reale, coltivare l’interesse dellɜ giovani per la fusione tra tecnologia e patrimonio culturale e promuovere il dibattito sul futuro della conservazione del patrimonio in Africa.

La serie online Lunch and Learn esplora il modo in cui la tecnologia si stia fondendo con il patrimonio culturale, approfondendo argomenti come l’evoluzione dell’interazione tra operatorɜ e pubblico con il patrimonio, le considerazioni etiche dell’integrazione tecnologica e le implicazioni di queste capacità per le istituzioni africane, come il progetto di digitalizzazione delle placche del Museum of West African Art (MOWAA).

L’evento presenterà gli approfondimenti di:

Chidi Nwaubani, designer, artista e operatore tecnologico, fondatore di Looty
Dominique Petit-Frère, architetta e fondatrice di Limbo Accra, designer e stratega spaziale basata traNew York e Accra
Solange Mbanefo, attualmente co-curatrice e progettista di mostre presso il Museum Rietberg di Zurigo, Svizzera, oltre che architetta, curatrice, ricercatrice, designer e attivista
Joey Ekunwe, artista e capo creativo per i video a 360° presso Imisi 3D, uno dei laboratori di creazione di XR (Extended Reality) più importanti d’Africa
Mutanu Kyany’a, un operatore della memoria che si occupa di storie e identità comunitarie attraverso le innovazioni digitali

PROGRAMMA

GIORNO 1
Venerdì, 22 marzo,
2:00PM WAT/4:00PM EAT
Partecipa alla conversazione

Capire il presente: cosa sta succedendo e perché è importante
Il progetto di digitalizzazione delle placche

In che modo gli strumenti digitali stanno trasformando il modo in cui operatorɜ e pubblico si confrontano con il patrimonio culturale? In un contesto di risorse e connettività digitale limitate, quali capacità tecnologiche dovrebbero privilegiare le istituzioni africane – e perché? Spunti dall’iniziativa in corso del MOWAA, il Progetto di digitalizzazione delle targhe.

Il viaggio fino ad oggi: La digitalizzazione del boschetto di Osun-Oshogbo, di Judith Okonkwo (IMIS 3D) e il progetto Looty ,di Chidi Ubani

Dai tour in realtà virtuale dei siti sacri agli archivi online dell’arte africana sradicata, ci sono molti esempi di iniziative indipendenti che stanno ridisegnando il modo in cui il patrimonio culturale del continente viene documentato, studiato, divulgato e riarticolato. Che si tratti di iniziative di restituzione o semplicemente di buone pratiche di conservazione, questi casi studio offrono una visione della pletora di modelli utilizzati, degli ostacoli pratici affrontati e delle persone che vi sono dietro.

GIORNO 2
Sabato, 23 marzo
2:00PM WAT/4:00PM EAT
Partecipa alla conversazione

Immaginare il futuro: dove andremo a partire da qui?

Discussione moderata da Mutanu Kyany’a (African Digital Heritage), con interventi di Dominique Petit-Frère (Limbo Africa) e Chidi Ubani (The Looty Project)

Etica e dibattiti contemporanei nell’Africa digitale

Alcuni aspetti dell’identità culturale dovrebbero essere off-limits alla registrazione e alla pubblicazione digitale? Chi possiede veramente il “patrimonio virtuale” e in che modo le normative possono garantire meglio i diritti creativi dellɜ artistɜ, proteggendo al contempo le antiche pratiche tradizionali? Questa sessione affronta le questioni del rispetto, della responsabilità, del diritto d’autore e della libertà creativa, approfondendo le complessità di questo settore in continua evoluzione.

Lancio del Toolkit per la digitalizzazione 3D con approfondimenti da parte di specialistɜ formati presso musei e istituzioni culturali in Nigeria

Prospettive da parte di recenti apprendistɜ del programma di digitalizzazione 3D del MOWAA e condivisione di consigli pratici su come iniziare un proprio progetto.

Preserving African Heritage in Digital Age è organizzato dall’Edo Museum of West African Arts, un museo che sarà costruito a Benin City, in Nigeria, su progetto dell’architetto David Adjaye.

wearemowaa.org

Segui GRIOT Italia su Facebook, @griotmagitalia su Instagram Iscriviti alla nostra newsletter

Questo articolo è disponibile anche in: en

Art & Culture, Music, Photography, Style, Video
GRIOT

Condividere. Ispirare. Diffondere cultura. GRIOT è uno spazio nomadico, un botique media e un collettivo che produce, raccoglie e amplifica Arti, Cultura, Musica, Stile dell’Africa, della diaspora e di altre identità, culture e contaminazioni.