Nijdeka Akunyli Vince Il Premio Smithsonian

di Johanne Affricot - Pubblicato il 10/01/2015

Acrilico, pastello, carboncino, polvere di marmo: una miscela di materiali uniti alle tecniche del collage e transfer su carta. Questa è la firma di Nijdeka Akunyli, artista nigeriana trapiantata a NY, che ha recentemente vinto il James Dick Contemporary Artist Prize del Smithsonian Museum, un premio di $25.000 indirizzato ad artisti sotto i 50 anni che hanno realizzato un numero significativo di opere e dimostrato un’eccezionale creatività.

E pensare che questa giovane donna con doppia laurea (una in biologia e l’altra in studio art) stava per diventare medico. Guardando il suo cv saltano subito all’occhio percorso e traguardi raggiunti: l’MFA conseguito nel 2011 alla Yale University, la residenza d’artista del 2011-12 presso il celebre Studio Harlem di NY, la partecipazione al Miami Art Basel nel 2012, dove cinque sue tele a grandezza naturale sono state vendute in poco meno di mezz’ora.

I suoi quadri sono un racconto autobiografico, intimo e personale, nei quali, grazie all’utilizzo dei diversi media, emergono l’identità ibrida e transculturale dell’artista.
Griot Magazine - ©Akunyili_Njideka_Something-Split-and-NewGriot-Magazine-Nnjideka-Akunyili-The-beautyful-Ones-are-not-yet-bornGriot-Magazine-Njideka-Akunyili-Tea-Time-in-New-Haven-Enugu-800x594Griot-Magazine-Njideka-Predecessors-Left-PanelGriot-Magazine_Njideka-Akunyili-5-umezebi-st-new-haven-enuguGriot-Magazine-©Njideka-Akunyili-cradle-your-conquest

Griot-Magazine-Njideka-Akunyili-wedding-portrait

Griot-Magazine-©Njideka-Akunyili-my-refuge

Credits | Nijdeka Akunyli

Segui GRIOT Italia su Facebook, @griotmagitalia su Instagram Iscriviti alla nostra newsletter

Arti visive, performative e audiovisive, cultura, musica, viaggi: vivrei solo di questo. Culture curator per missione, passione e professione, la curiosità è il mio pane quotidiano. Estremamente golosa, non provate mai a fare la scarpetta nel mio piatto... potrei anche mordere.