Le Nomine Nel Mondo Dell’Arte Nel 2022

Ecco le nomine più interessanti del 2022 alla Biennale di Toronto, al Buro Stejdelik, alla White Cube, al Wexner Center for Arts, alla Biennale di Lubiana, al Queens Museum, alla National Gallery of Zimbabwe e alla Biennale di Liverpool.

di GRIOT - Pubblicato il 27/12/2022
Miguel A. López as co-curators of Toronto Biennial of Art

Dominique Fontaine e Miguel A. López co-curatori della terza edizione della Biennale di Toronto.

La Biennale d’Arte di Toronto ha annunciato la nomina di Dominique Fontaine e Miguel A. López come co-curatorз alla guida della mostra, giunta alla terza edizione. L’evento artistico cittadino si svolgerà dal 21 settembre al 1° dicembre 2024.

Dominique Fontaine è una leader culturale, curatrice, consulente e stratega per l’innovazione nelle arti e nella cultura. In qualità di connettrice, riunisce artistз, curatori e pubblico per consentire azioni trasformative a favore della diversità, dell’equità e dell’inclusione nell’arte contemporanea. Fontaine è curatrice e direttrice fondatrice di aposteriori, una piattaforma curatoriale no-profit che ricerca, documenta, sviluppa, produce e facilita l’innovazione nelle diverse pratiche artistiche contemporanee.

I progetti recenti di Fontaine includono Imaginaires souverainsLe présent, modes d’emploi, Maison de la culture Janine-Sutto, Montreal, QC; Foire en art actuel de Québec 2020; Foire en art actuel de Québec 2020Here We Are Here: Black Canadian Contemporary Art.

Fontaine è co-iniziatrice del Black Curators Forum, è membra dell’AICA-Canada, dell’American Association of Museum Curators (AAMC) e dell’International Contemporary Art Curators Association (IKT). Fa parte inoltre dell’Intervals Collective. Nel 2021 Fontaine è stata unǝ dellз vincitorз del Mese della Storia Nera della Città di Montreal.

È un grande onore essere invitata a curare la TBA 2024 con Miguel. Sono entusiasta di questa opportunità di creare un evento che possa risuonare con le complesse questioni del nostro tempo in relazione alle mutevoli realtà di Toronto e alla prassi della coesistenza. Non vedo l’ora di lavorare con gli/lз artistз che porteranno nuovi e inediti modi di pensare e vedere, e con le comunità e i partner di TBA in tutta la città. Sono appassionata ed entusiasta della prossima edizione di TBA.” – Dominique Fontaine

Miguel A. López è unǝ scrittorǝ e curatorǝ la cui pratica si concentra sul ruolo dell’arte nella politica e nella vita pubblica, sul lavoro collettivo e sulle dinamiche collaborative, nonché sulle riscritture queer e femministe della storia. Ha lavorato come curatorǝ capǝ e poi co-direttorǝ presso TEOR/éTica, San José, Costa Rica, dal 2015 al 2020. Nel 2019 ha curato la mostra retrospettiva Cecilia Vicuña: Seehearing the Enlightened Failure al Witte de With (ora Kunstinstituut Melly) di Rotterdam. La mostra ha fatto tappa a Città del Messico, Madrid e Bogotà.

Sono entusiasta di lavorare con il team di Toronto e di immaginare una Biennale 2024 significativa per le/glз artistз, l’ecosistema artistico e soprattutto per la città. Non vedo l’ora di contribuire al contesto locale e di incoraggiare nuove collaborazioni con artistз, attivistз e operatori culturali che si pongono domande urgenti sulle forme che l’arte può assumere nella sfera pubblica. Mi dedico a portare l’arte che ci sfida, ci ispira, ci incoraggia e ci connette.” – Miguel A. López

torontobiennial.org

Rita Ouédraogo e Azu Nwagbogu Sono i/lз Curatorз Fondatorз del nuovo museo Buro Stedelijk

Rita Ouédraogo (Foto: Anne Lakeman) e Azu Nwagbogu (Foto: Paul Odigie)

Il neonato Buro Stedelijk ha nominato Rita Ouédraogo e Azu Nwagbogu come curatorз fondatorз. I/le due curatorз si sono candidatз per il posto vacante come duo e hanno assunto la direzione del nuovo spazio di Amsterdam il 1° dicembre 2022.

Rita Ouédraogo è una curatrice, programmatrice, scrittrice e ricercatrice, ed è stata curatrice e coordinatrice di programmi al Framer Framed di Amsterdam. È stata programmatrice di ricerca e responsabile della collaborazione (comunitaria) presso il Centro di ricerca per la cultura materiale del Museo nazionale delle culture del mondo nei Paesi Bassi. Ouédraogo ha conseguito un master in antropologia culturale presso l’Università di Amsterdam. Il suo lavoro è influenzato dal suo interesse per la diaspora africana, le istituzioni decolonizzanti, il razzismo istituzionale, la cultura popolare e le questioni sociali. Si occupa di questioni legate alla cooperazione e alla solidarietà che esplorano le modalità delle pratiche di collaborazione attraverso i differenziali di potere, soprattutto in un contesto decoloniale.

Azu Nwagbogu è un curatore di fama internazionale, interessato a sviluppare nuovi modelli di impegno con le questioni della decolonizzazione, della restituzione e del rimpatrio. L’interesse principale di Nwagbogu è quello di reinventare l’idea di museo e il suo ruolo come spazio civico di impegno per la società in generale. La Royal Photographic Society britannica l’ha nominato “Curatore dell’anno 2021” e ArtReview l’ha incluso nella lista Power 100. Nwagbogu ha fondato la African Artists’ Foundation a Lagos, in Nigeria. Nel 2018 e 2019 ha diretto lo Zeitz Museum of Contemporary Art di Città del Capo. Nwagbogu è il fondatore e direttore del LagosPhoto Festival. Ha dato vita ad Art Base Africa, un luogo virtuale per scoprire l’arte contemporanea africana.

Rita Ouédraogo e Azu Nwagbogu: “Crediamo che il presente e il futuro del mondo dell’arte richiedano pratiche collaborative più profonde e desideriamo dare noi stessз l’esempio. Veniamo entrambз da diverse parti del mondo, da diverse generazioni e abbiamo diverse competenze. Tuttavia, questi diversi punti di partenza sono legati dalla nostra passione e dal nostro interesse per il valore del lavoro dell’arte e dellз artistз e per la loro rilevanza nel XXI secolo. Crediamo nell’urgenza e nel potere dell’arte e nel presentare e coltivare nuove idee per il mondo in questo momento, forse più che in qualsiasi altro momento della storia umana. Vogliamo andare oltre la critica istituzionale e offrire nuovi modelli di discorso sociale che affrontino le sfide sociopolitiche contemporanee più urgenti del pianeta. Il nostro piano è quello di creare opportunità che supportino realmente l’idea di una città multidimensionale e multiculturale, oltre a sostenere lз artisti di tutto il mondo che vivono e lavorano ad Amsterdam, offrendo loro uno spazio progettuale sperimentale per realizzare e articolare le loro idee.”

www.stedelijk.nl

Courtney Willis alla guida White Cube di New York

Courtney Willis Blair- Foto: Myesha Garnde

Courtney Willis Blair è stata nominata direttrice senior di White Cube. La galleria britannica aprirà la sua prima sede americana a New York nell’autunno del prossimo anno. A partire da gennaio, Blair supervisionerà la strategia della galleria negli Stati Uniti e la sua programmazione a New York. Inoltre, in qualità di membra del Consiglio di amministrazione globale di White Cube, svolgerà un ruolo chiave nel definire la strategia della galleria a livello internazionale.

Blair è stata in precedenza partner e direttrice senior di Mitchell-Innes & Nash (N.Y.), dove ha guidato la strategia canonica dellз artistз e l’impegno istituzionale negli Stati Uniti e a livello internazionale, dai progetti per Documenta e la Biennale di San Paolo alle mostre al Crystal Bridges Museum of American Art, al Jewish Museum, al Museum of Modern Art, al Whitney Museum of American Art e allo Speed Art Museum.

Come scrittrice e giornalista, ha tracciato il profilo di alcuni dei principali artistз, architettз e curatorз del mondo. È la fondatrice di Entre Nous, un’associazione internazionale di galleriste Nere fondata nel 2016, e fa parte dei consigli di amministrazione di The Kitchen, Triple Canopy e International Studio & Curatorial Program.

Gaëtane Verna è la Nuova Direttrice Esecutiva del Wexner Center for the Arts dell’Ohio State University

Gaëtane Verna

Gaëtane Verna è l’attuale direttrice esecutiva del Wexner Center For The Arts, carica che ricopre dal 26 novembre 2022. Verna arriva all’istituzione di Columbus dalla Power Plant di Toronto, dove dal 2012 ha ricoperto il ruolo di direttrice artistica. Sostituisce Johanna Burton, che ha lasciato il Wexner lo scorso autunno per dirigere il Museum of Contemporary Art di Los Angeles.

Prima di arrivare al Power Plant—che, come il Wexner, è un’istituzione d’arte contemporanea non collezionistica—dal 2006 al 2012 è stata direttrice esecutiva e curatrice capo del Musée d’art de Joliette, uno dei maggiori musei d’arte del Quebec. In precedenza, dal 1999 al 2006, è stata curatrice della Foreman Art Gallery della Bishop’s University di Sherbrooke, in Quebec, e ha insegnato storia dell’arte alla Bishop’s University e all’Université du Québec à Montréal. Tra lз artistз per i quali ha organizzato mostre nel corso della sua più che ventennale carriera figurano Terry Adkins, John Akomfrah, Vasco Araújo, Miriam Cahn, Alfredo Jaar, Luis Jacob, Kimsooja, Yam Lau, Oswaldo Maciá, Mario Pfeifer, Javier Téllez, Denyse Thomasos, Bill Viola, YOUNG-HAE CHANG HEAVY INDUSTRIES, Zineb Sedira e Franz Erhard Walther. Nel 2017 è stata insignita del Chevalier de l’Ordre des Arts et des Lettres francese.

Gaëtane Verna ha dichiarato: “Attraverso un’indagine e una pratica coraggiose, il Wex abbraccia la sua missione multidisciplinare di innovazione, educazione e impegno significativo e ci permette di esaminare le questioni più urgenti e pressanti del nostro tempo. Sono onorata ed entusiasta di unirmi al personale del Wex e al consiglio di amministrazione per costruire insieme il suo glorioso passato e plasmare il suo brillante futuro.”

Siamo entusiasti di dare il benvenuto a Gaëtane Verna all’Ohio State e al Wexner Center for the Arts“, ha dichiarato Melissa L. Gilliam, vicepresidente esecutiva e rettrice dell’Ohio State. “Con una profonda esperienza nel valorizzare artistз emergenti e affermatз, crede fermamente nel ruolo dell’arte contemporanea come strumento per esplorare questioni importanti e coinvolgere le comunità. Quando si unirà a noi a Columbus, sarà sostenuta dal nostro talentuoso e dedicato staff del Wex e dai nostri studenti, docenti, personale e comunità che si impegnano con il Wex

wexarts.org

Ibrahim Mahama nominato Direttore Artistico della 35sima Biennale di Arti Grafiche di Lubiana

Ibrahim Mahama durante la sua prima visita all’International Centre of Graphic Arts in Ljubljana. Foto: Urška Boljkovac. MGLC Archive.

Lз artistз esploreranno la storia tra il Ghana e l’ex Jugoslavia, per (ri)stabilire connessioni con gli artistз locali slovenз e internazionali.

Insignito di numerose onorificenze, tra cui il premio Prince Claus 2020 per gli eccezionali risultati nel campo della cultura e dello sviluppo, Ibrahim Mahama vive e lavora nelle città di Accra, Kumasi e Tamale, nel nord del Ghana, dove è nato.

La pratica artistica di Mahama è stata celebrata in tutto il mondo in mostre internazionali come NIRIN, 22a Biennale di Sydney (2020); Tomorrow, there will be more of us, Stellenbosch Triennale (2020); Padiglione inaugurale del Ghana, 58a Biennale di Venezia, Venezia (2019); Documenta 14, Atene e Kassel (2017); e All the World’s Futures, 56a Biennale di Venezia, Venezia (2015).

Tra le istituzioni di rilievo che Mahama ha fondato vi sono il Savannah Centre for Contemporary Art (SCCA Tamale), un deposito culturale gestito da artistз, un centro espositivo e di ricerca e una residenza per artistз. Red Clay, nella vicina Janna Kpeŋŋ, è un vasto complesso di studi dove Mahama ha convertito vecchi aeroplani in aule per bambini. Nkrumah Volin è un silo ristrutturato a Tamale.

Nell’annunciare la nomina di Mahama, Nevenka Šivavec, direttrice artistica e amministratore delegato di MGLC, ha ricordato gli importanti legami tra il Ghana e l’ex Jugoslavia dagli anni Cinquanta al 1966, quando il primo presidente del Ghana, Kwame Nkrumah fu rovesciato da un colpo di Stato militare. Particolarmente importante è stato il ruolo condiviso da Ghana e Jugoslavia come membri fondatori del Movimento dei non allineati (NAM) insieme a Egitto, India e Indonesia nel 1961.

Mahama è da tempo interessato alle infrastrutture post-indipendenza del Ghana, agli edifici che erano espressione dell’impegno di Nkrumah a rendere il Ghana autosufficiente, ma che in seguito sarebbero stati abbandonati. L’impatto degli architetti dell’ex Jugoslavia sugli edifici istituzionali del Ghana, come la Kwame Nkrumah University of Science and Technology di Kumasi, è stato particolarmente significativo in questo periodo. Ha coinciso con la fondazione della Biennale di Lubiana nel 1955, in piena Guerra Fredda, e con il suo desiderio di trascendere i confini nazionali e ideologici.

Per Ibrahim Mahama, assumere il ruolo di direttore artistico della Biennale di Lubiana rappresenta una sfida e un’opportunità. Non solo per esplorare momenti complessi di scambio e aspirazione, ma anche per ricollegare momenti perduti, o vuoti, che sono apparsi nella storia comune del Ghana e dell’ex Jugoslavia nel corso del tempo.

Ibrahim Mahama ha commentato: “Non vedo l’ora di ristabilire alcune di queste connessioni nel contesto della 35a Biennale di Lubiana.

bienale.si/en

La Biennale Di San Paolo Nomina Un Collettivo Curatoriale

Curatorз della 35 Biennale di San Paolo. Da sinistra a destra: Hélio Menezes, Grada Kilomba, Diane Lima, Manuel Borja-Villel. Foto © Levi Fanan / Fundação Bienal de São Paulo

Lo scorso marzo la Fundação Bienal ha annunciato il team curatoriale per la Biennale di San Paolo del 2023, che si terrà il ad autunno. Per la prima volta nella storia della Biennale ci sarà un collettivo curatoriale decentralizzato, invece che unǝ curatorǝ capo. Questo modello curatoriale, senza la figura di un curatorǝ capo, è già stato adottato nelle edizioni della Biennale del 1989, 2010 e 2014. Intitolata Choreographies of the impossible, la 35ª Biennale sarà guidata da Manuel Borja-Villel, Grada Kilomba, Diane Lima e Hélio Menezes.

“La complementarietà di questi talenti ha il potenziale per generare risultati fantastici”, ha dichiarato José Olympio da Veiga Pereira, presidente della Fundação Bienal. “Il team curatoriale è stato formato volontariamente e la proposta ci ha conquistato per la sua ambizione e il suo interesse,” ha aggiunto. “L’idea di formare un gruppo con una relazione orizzontale è stata un suggerimento del team curatoriale e sarà parte integrante del progetto per la 35ª Biennale,” conclude José Olympio.

Scopri di più sul collettivo curatoriale.

bienal.org.br

Lauren Haynes è la Nuova Direttrice degli Affari e Programmi Curatoriali del Queens Museum

Lauren Haynes. Foto: Rana Young

Lauren Haynes è la Direttrice degli Affari Curatoriali e dei Programmi del Queens Museum da luglio 2022. In questo ruolo, Haynes dirige il team delle mostre e dei programmi pubblici del Museo e collabora con questo team e con altri per sviluppare la visione generale delle mostre e dei programmi del Museo. Prima di entrare al Queens Museum, Haynes ha lavorato in diversi musei negli Stati Uniti, tra cui il Crystal Bridges Museum of American Art e lo Studio Museum di Harlem. Haynes è una specialista dell’arte contemporanea di artistз della diaspora africana. È stata borsista del Center for Curatorial Leadership nel 2018 e ha ricevuto il premio ArtTable New Leadership Award nel 2020. Dal 2022, Haynes è membro del consiglio di amministrazione dell’Association of Art Museum Curators (AAMC) e della AAMC Foundation.

Prima di Crystal Bridges, Haynes ha trascorso quasi un decennio allo Studio Museum di Harlem. Specializzata in arte contemporanea di artistз della diaspora africana, nel suo ruolo di curatrice associata per la collezione permanente ha supervisionato la cura della collezione, le acquisizioni e le mostre. Ha curato quattro mostre nello spazio principale, tra cui Alma Thomas (co-curatrice); Speaking of People: Ebony, Jet and Contemporary Art; Trenton Doyle Hancock: Skin and Bones, 20 Years of drawing (organizzatrice istituzionale) e Stanley Whitney: Dance the Orange. Come assistente curatoriale, ha organizzato il programma di Artist-in-Residence nel 2011-12, 2012-13 e 2013-14 e ha curato oltre una dozzina di mostre.

queensmuseum.org

Fadzai Veronica Muchemwa è Curatrice per l’Arte Contemporanea alla Galleria Nazionale dello Zimbabwe

Fadzai Veronica Muchemwa

Nel gennaio 2022 la curatrice Fadzai Veronica Muchemwa ha assunto la direzione curatoriale dell’arte contemporanea di uno dei più antichi e importanti musei d’arte di Harare. Questa nuova posizione è stata creata per razionalizzare le attività curatoriali della Galleria nelle sue tre sedi e nella sua rete in continua espansione.

Muchemwa è stata ricercatrice presso il programma Arts of Africa and Global Souths del Dipartimento di Belle Arti della Rhodes University, ed è un’autruce e curatrice che opera tra Grahamstown, Sudafrica, e Harare, Zimbabwe. La sua ricerca esplora le nozioni di cura nella pratica artistica, gli archivi nazionali, la giustizia sociale, le storie delle città, le topografie della produzione di conoscenza e i siti di transizione.

In precedenza ha ricoperto il ruolo di curatrice per l’istruzione e la programmazione pubblica presso la National Gallery of Zimbabwe dal 2017 al 2020, e di assistente curatoriale dal 2016 al 2017, dove ha co-curato Moulding a Nation: The History of the Ceramics Collection of the National Gallery of Zimbabwe (2018-2019), Dis(color)ed Margins (2017), Culture in Communities (2016) e Jazzified: Expressions of Protest (2016). Inoltre, ha curato The Unseen: Creatures of Myth and Legend, una mostra di opere d’arte di Isaac Kalambata al Lusaka National Museum nel 2018. In qualità di visiting curator presso la Bag Factory di Johannesburg nel 2019, ha prodotto la pubblicazione Curating Johannesburg: rest.less, under siege/in transition.

Nel 2017 Muchemwa è stata una borsista dell’International Training Programme del British Museum, collabora con Independent Curators International e ha collaborato con il Padiglione dello Zimbabwe all’Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia. È membra fondatore del Practice Theory Collective.

dev.nationalgallery.co.zw

Khanyisile Mbongwa nominata curatrice della Biennale di Liverpool

Khanyisile Mbongwa. Photo: Tatyana Levana

La curatrice, artista e sociologa indipendente di Città del Capo Khanyisile Mbongwa nel 2023 curerà il più grande festival di arti visive contemporanee del Regno Unito. Lo scorso gennaio 2022 la Biennale di Liverpool ha nominato Khanyisile Mbongwa curatrice della 12ª edizione della Biennale di Liverpool, che si svolgerà da giugno a settembre 2023. Il 2023 segna il 25° anniversario dell’organizzazione. Mbongwa, già curatrice capo della Triennale di Stellenbosch (2020), curerà la 12ª edizione insieme al team della Biennale di Liverpool.

Mbongwa è la curatrice di Puncture Points, membra fondatorǝ e curatrice di Twenty Journey ed ex direttrice esecutiva di Handspring Trust Puppets. È tra i/lз membrз fondatorз del collettivo artistico Gugulective, di Vasiki Creative Citizens e del collettivo di poesia WOC Rioters In Session. Già curatrice capo della Triennale di Stellenbosch del 2020, tra i suoi progetti recenti ricordiamo: Process as Resistance, Resilience & Regeneration—una mostra collettiva co-curata con Julia Haarmann in onore di un decennio di CAT Cologne (2020), la personale di Athi-Patra Ruga alla Norval Foundation intitolata iiNyanka Zonyaka (The Lunar Songbook) (2020) e una mostra collettiva intitolata History’s Footnote: On Love & Freedom al Marres, House for Contemporary Culture di Maastricht, Paesi Bassi (2021).

Khanyisile Mbongwa, curatrice della Biennale di Liverpool 2023, ha dichiarato: “Sono entusiasta di lavorare con il team della Biennale di Liverpool alla dodicesima edizione e sono curiosa di scoprire cosa la città mi mostrerà sui miei processi curatoriali durante il mio soggiorno qui. Non vedo l’ora di co-creare con individuз, collettivi e organizzazioni sia all’interno di Liverpool che al di fuori e sono interessata a vedere come la città si sia affermata storicamente, come si sostiene in questo momento e come immagina il suo futuro.”

Sam Lackey, direttore della Biennale di Liverpool, ha dichiarato: “Siamo entusiastз di avere Khanyisile Mbongwa tra noi per la dodicesima edizione della Biennale di Liverpool. I suoi interessi curatoriali di lunga data sulla cura e la riparazione saranno fondamentali per pensare a nuovi futuri insieme alla città. È una risorsa straordinaria per il team e per Liverpool, mentre ci muoviamo verso la ripresa e costruiamo sull’innovazione e sul successo di The Stomach and the Port. Non vedo l’ora di darle il benvenuto a Liverpool e di lavorare con lei e con i nostri partner in tutta la città in vista del nostro 25° anniversario“.

biennial.com

Segui GRIOT Italia su Facebook, @griotmagitalia su Instagram Iscriviti alla nostra newsletter

Questo articolo è disponibile anche in: en

Art & Culture, Music, Photography, Style, Video
GRIOT
+ posts

Condividere. Ispirare. Diffondere cultura. GRIOT è uno spazio nomadico, un botique media e un collettivo che produce, raccoglie e amplifica Arti, Cultura, Musica, Stile dell’Africa, della diaspora e di altre identità, culture e contaminazioni.