Storia Di Due Donne

Il film documentario Mane su due donne, una rapper e una lottatrice, è una boccata d'aria fresca tanto necessaria nel racconto profondamente maschile della "generazione hip hop" del Senegal.

di Johanne Affricot - Pubblicato il 15/03/2022
Still dal film Mane

Il wrestling e l’hip hop sono campi che catturano in modo vibrante la resilienza e la creatività dei giovani senegalesi in un mondo globalizzato, giovani che lottano per realizzare i loro sogni di una vita dignitosa, contro le avversità di una grave disoccupazione e di un sistema educativo in difficoltà. Il wrestling senegalese, uno sport tradizionale e una forma d’arte, negli anni ’90 ha vissuto una grande rinascita. Oggi paga milioni ai lottatori maschi che praticano quello che viene chiamato wrestling moderno: un tipo di wrestling introdotto dai colonialisti francesi, che incorpora alcune mosse di boxe, come i colpi. L’hip hop, invece, è arrivato in Senegal alla fine degli anni ’80 e si è trasformato in un marchio unico che sposa i linguaggi e l’estetica locali. L’hip hop senegalese ha anche una solida componente attivista, incarnata dal movimento Y’en a Marre (Quando è Troppo è Troppo) e dal suo epico impatto sull’esito delle elezioni presidenziali del 2012. (la decisione di Y’en a Marre di appoggiare l’allora candidato Macky Sall ha avuto una grande influenza sulla mobilitazione dei giovani per eleggerlo alla presidenza).

Il film documentario Mane (2020), della regista austriaca Sandra Krampelhuber, segue due giovani donne senegalesi nel loro viaggio verso l’auto-realizzazione in terreni dominati dagli uomini. Le storie di Toussa (Astou Gueye), una rapper di Dakar, e di Emodj (Jeanette Sambou), una wrestler del sud del Senegal, si alternano in uno stile di chiamata e risposta, mentre la telecamera si sposta da un’ambientazione all’altra.

Still dal film Mane

Mane è un film femminista. Le storie dellз artisti hip hop senegalesi sono state raccontate in pubblicazioni accademiche e documentari come African Underground: Democracy in Dakar (2007), 100% Galsen (2012) e 100% Dakar: More Than Art (2014) di Krampelhuber. Sebbene alcune di queste opere presentino donne, nessuna è dedicata esclusivamente alle loro esperienze uniche e di genere. È questo ciò che realizza Krampelhuber in Mane, concentrandosi su Toussa e parallelamente con la storia di Emodj. La bellezza del film sta nel suo sguardo esclusivo sulle esperienze delle donne; dà la priorità alle loro voci, piuttosto che seppellirle in un mare di esibizioni maschili egemoniche. Il titolo, che significa “Io” in wolof, la lingua franca del paese, centra le esperienze delle due donne ed evidenzia la loro individualità. Si può capire perché Krampelhuber non abbia usato “Man“, l’ortografia corretta di Wolof, che, in un’ironica coincidenza linguistica che sarebbe stata comunque una farsa, avrebbe riportato un’attenzione confusa sugli uomini, per il pubblico di lingua inglese del film.

Krampelhuber dà spazio e azione alle due giovani donne. Ambienta le loro storie sullo sfondo di un’eredità di donne forti nella storia del Senegal, come Alin Sitoe Diatta, Jëmbat Mboji e le donne di Nder, nel nord del Senegal, che, un martedì, nel novembre del 1819, si immolarono piuttosto che diventare schiave dei loro vicini razziatori, i Mori di Trarza. Ci sono molte donne nel film, dalle donne nei vivaci mercati di Dakar alle donne nei circoli familiari di Toussa e Emodj. Le interviste con la nonna di Toussa e la madre di Emodj, che in gioventù era anche una wrestler, fondano le giovani donne in una genealogia di resilienti matriarche che hanno forgiato la loro personalità e inculcato in loro un senso di orgoglio e determinazione. Queste scene consentono anche allǝ spettatorǝ di testimoniare l’umanità e la vulnerabilità delle giovani donne. Il senso di identità e la consapevolezza di Toussa ed Emodj delle sfide che devono affrontare sono palpabili, così come la loro determinazione a riuscire nei loro obiettivi auto-definiti.

Still dal film Mane

I due archi narrativi mostrano un Senegal culturalmente e geograficamente diversificato. Krampelhuber contrappone le cacofoniche e colorate strade di Dakar con gli scenari verdi e naturali del sud del Senegal. Il trambusto della città si contrappone in modo creativo al cinguettio solitario degli uccelli nella foresta dove Emodj va a correre, enfatizzando il richiamo cinematografico. Questa diversità è resa anche dal modo in cui le due donne si muovono nel tempo e nello spazio, nelle rispettive comunità. L’a cappella di Toussa è seria e ottimista, affinando lo swag urbano di Dakar e la sua stessa capacità di recupero nel panorama hip hop, saturo di uomini, mentre i movimenti di Emodj sono tranquilli e calmi anche durante le sessioni di allenamento.

Mentre Toussa è ben nota in Senegal, e ha anche avuto una certa visibilità internazionale, Emodj è una gemma nascosta e le sue parti hanno diversi pregi. Si può dire che non moltз senegalesi sanno che Ekolomodj, la lotta femminile tra i Joola, esiste e che è originaria del Senegal meridionale. L’attenzione su Emodj integra il sud del Senegal, spesso isolato, in un tessuto nazionale più ampio. Inoltre, contrariamente al presupposto che il wrestling sia uno sport maschile, la storia di Emodj mostra che le donne hanno lottato in questa parte del Senegal per molte generazioni. La sua aspirazione a diventare una wrestler professionista mostra la duratura resistenza culturale della regione alla colonialità, anche se le lottatrici lottano per ottenere un serio riconoscimento. In effetti, le esperienze di Isabelle Sambou, campionessa mondiale 2012, e più volte campionessa africana di Beach Wrestling, sottolineano il doppio standard di genere nel wrestling senegalese, dove gli uomini possono guadagnarsi da vivere grazie allo sport e le donne sono relegate nel dominio olimpico, meno redditizio.

Still dal film Mane
A volte, la messa in scena sembra rallentare il flusso dei movimenti filmici. La connessione tra Toussa ed Emodj non è spiegata nel film, anche se vediamo che si conoscono e condividono un legame. La fotografa di vita urbana e regista Ndeye Fatou Thiam (nota anche come Ina) e l’allenatrice di Emodj, Isabelle Sambou, hanno entrambi apparizioni importanti nel film e la loro presenza integra le storie di Toussa ed Emodj. Tuttavia, non vengono presentate per nome, rendendo difficile per gli spettatori indovinare chi siano. La confusione ortografica nel titolo del film rimane un problema perché fa eco alla parola inglese non correlata “mane“. Allo stesso modo, quando si cerca su Google il film, i migliori successi riguardano Made in Senegal (2020), un documentario sul famoso calciatore senegalese Sadio Mané, che ha segnato il gol della vittoria durante la prima vittoria del Senegal nella Coppa d’Africa 2022. Questo avrebbe potuto essere risolto usando “nje“, la parola per “me” nella Joola natale di Emodj, smantellando così un’altra egemonia: quella del wolof sulle altre lingue indigene in Senegal.Anche con queste piccole imperfezioni, Mane è una boccata d’aria fresca tanto necessaria nel racconto profondamente maschile della “generazione hip hop” del Senegal. Toussa ed Emodj sono vincitori perché hanno osato entrare in spazi che resistono e minano la loro presenza. Krampelhuber è anche un vincitore, per aver rotto con lo stereotipo della sfortunata donna africana. Mando il mio musóor, il tradizionale velo senegalese, a tutti e tre!
Questo pezzo di Mariame Gueye è apparso originiariamente su Africa is a Country. 
Segui GRIOT Italia su Facebook, @griotmagitalia su Instagram Iscriviti alla nostra newsletter

Questo articolo è disponibile anche in: en

+ posts

Arti visive, performative e audiovisive, cultura, musica e viaggi: vivrei solo di questo. Laureata in Cooperazione e Sviluppo internazionale, sono Curatrice e Produttrice Culturale indipendente e Direttrice Artistica di GRIOTmag e Spazio GRIOT.