Alberto Boubakar Malanchino Tra I Finalisti Della 45° Edizione Dei Premi Ubu 2023

Le premiazioni avverranno il 18 dicembre al Teatro Arena del Sole di Bologna e in diretta radiofonica su Rai Radio3, nel programma Radio3 Suite.

di GRIOT - Pubblicato il 05/12/2023
Alberto Malanchino in scena con SID - Fin qui tutto bene. Roma, SPAZIO GRIOT al Mattatoio, 24 giugno 2023. Foto: Andrea Pizzalis.COURTESY SPAZIO GRIOT

È il più prestigioso dei premi teatrali che abbiamo in Italia. E non sorprende che tra i nomi scelti per essere insigniti di questo riconoscimento ci sia anche quello dell’attore di teatro, televisione e cinema Alberto Boubakar Malanchino, protagonista, tra i vari, del monologo Sid. Fin Qui Tutto Bene (con la regia di Girolamo Lucania, Cubo Teatro) presentato in anteprima romana da SPAZIO GRIOT lo scorso giugno all’interno della programmazione artistica Rifrazioni.  Boubakar Malanchino è candiato al ballottaggio per il Premio come miglior performer under 35, insieme ad Alessandro Bandini e Alfonso De Vreese.
“Grazie per questa candidatura, ho il cuore colmo di gioia. La felicità è doppia perché posso condividerla con due meravigliosi attori quali Alfonso De Vreese e Alessandro Bandini. W il teatro 🖤,” ha commentato l’attore subito dopo aver ricevuto la notizia della sua candidatura.

Attribuiti da una vasta platea di criticɜ e studiosɜ (69 lɜ votanti effettivɜ al primo turno), i Premi Ubu si compongono di 16 categorie: Spettacolo di teatro, Spettacolo di danza, Regia, Attrice / Performer, Attore / Performer, Attrice / Performer under 35, Attore / Performer under 35, Scenografia, Costumi, Disegno luci, Progetto sonoro / Musiche originali, Nuovo testo italiano / Scrittura drammaturgica (messi in scena da compagnie o artisti italiani), Nuovo testo straniero / Scrittura drammaturgica (messi in scena da compagnie o artistɜ italianɜ), Spettacolo straniero presentato in Italia, Premio Ubu alla carriera, Premi Speciali – qui la lista compelta dei Premi Ubu 2023.

I Premi Ubu 2023 sono realizzati dall’Associazione Ubu per Franco Quadri con il sostegno di Ministero della Cultura, Regione Emilia-Romagna, Comune di Bologna, Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e in collaborazione con Emilia-Romagna Teatro ERT/Teatro Nazionale; main media partner: Rai Radio3; media partner Cultura Emilia-Romagna, PAC – Paneacquaculture.

BIO

Alberto Boubakar Malanchino è un attore nato a Cernusco sul Naviglio (MI) da padre Italiano e madre del Burkina Faso. Nel 2016 si diploma in recitazione alla Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi di Milano. Partecipa nello stesso anno alla Biennale college di Venezia seguendo i Maestri Declan Donnellan, Nick Ormerod e Pascal Rambert. Dopo la formazione Accademica, inizia a lavorare come attore di prosa. Tra i registi con cui collabora ricordiamo Moni Ovadia e Silvio Peroni. Nel 2018 debutta al Teatro Franco Parenti con il monolgo Verso Sankara. Sul piccolo schermo approda invece partecipando a diversi progetti di successo come La strada di casa, Crozza nel Paese delle meraviglie, Camera Cafe, Un passo dal cielo e Don Matteo. Nel 2019 è nel cast della produzione Netflix  Summertime e nello stesso anno presta la voce all’orso Tonio, personaggio del film d’animazione La famosa invasione degli orsi in Sicilia, tratto dal romanzo di Dino Buzzati, e viene scelto per il ruolo di Elvis nel film Easy Living, scritto e diretto dai fratelli Miyakawa. È tra i protagonisti della serie Doc – nelle tue mani, diretta da Jan Michelini e Ciro Visco, e della serie Guida astrologica per cuori infranti di Bindu De Stoppani. A marzo 2022 entra nel cast dello spettacolo teatrale The boys in the band, opera teatrale del commediografo americano Mart Crowley andata in scena per la prima volta a New York nel 1968, in tournée italiana con l’adattamento di Costantino della Gheradesca e la regia di Giorgio Bozzo. Per la Disney Pixar sarà la voce italiana di Buzz Lightyear nel suo film di animazione LightyearLa vera storia di Buzz.

Segui GRIOT Italia su Facebook, @griotmagitalia su Instagram Iscriviti alla nostra newsletter
Art & Culture, Music, Photography, Style, Video
GRIOT
+ posts

Condividere. Ispirare. Diffondere cultura. GRIOT è uno spazio nomadico, un botique media e un collettivo che produce, raccoglie e amplifica Arti, Cultura, Musica, Stile dell’Africa, della diaspora e di altre identità, culture e contaminazioni.