Remix | Torna la rassegna di documentari sulla migrazione europea e africana

Remix | Torna la rassegna di documentari sulla migrazione europea e africana


Camma fa, ia, Li ho presi tutti e tredici, uno per uno e li ho messi dove c’era la piazzetta dell’entrata. Li ho messi tutti in fila. Quando ho finito di portarli tutti e tredici, li ho guardati…Oh Dio, tutti picciotelli, tutti giovani, cu sti occhi aperti a cusì, c’arrivarono a ca, co la speranza di potersi salvare. Dice ‘L’Italia, l’Italia è bella…e invece hanno trovato a morte.

A parlare è Vincezo, custode (in pensione) del cimitero di Lampedusa. Vincenzo si preoccupa di seppellire le persone che migrano da altri luoghi, vittime dei naufragi, nonostante le critiche per l’uso della croce in tombe destinate a persone non di fede cattolica. A Zarzis, in Tunisia, il postino Mohsen Lidhabi raccoglie indumenti e oggetti restituiti dal mare alla terra, a seguito di naufragi. Fra i due inizia una singolare corrispondenza.

Vincenzo e Zarzis sono i protagonisti di Sponde. Nel sicuro sole del nord, documentario diretto da Irene Dioniso, che verrà proiettato e dibattutto nella seconda edizione della rassegna cinematografica REMIX.

I tre documentari della rassegna raccontano la percezione – e il vissuto – delle migrazioni da parte di persone comuni e si tramutano in tre occasioni di riflessione sui temi del viaggio e della mobilità umana. Un approccio che racconta i sentimenti e le scelte di vita, senza false retoriche. “Perché una cultura delle migrazioni sottolinea Maria Eugenia Cadeddu – si costruisce non solo con studi e dati, ma anche attraverso il racconto di storie, incontri, esperienze di quotidiana convivenza.

Venerdì 26 maggio ci sarà la proiezione de I Migrati, diretto da Francesco Paolucci. Il documentario racconta il viaggio di quattro ospiti della comunità, divenuti giornalisti per l’occasione, nei paesi dell’Appennino che accolgono richiedenti asilo e rifugiati. Attraverso interviste ai migranti e agli abitanti dei luoghi visitati, discussioni e riflessioni, il risultato è un’Italia differente da quella spesso descritta dai media.

Sabato 27 maggio, invece la proiezione del documentario spagnolo En tierra extraña, di Icíar Bollaín. Il documentario presenta la storia di Gloria e di altri spagnoli emigrati a Edimburgo per sfuggire alla crisi economica e costruirsi una vita migliore. Attraverso la simbologia di un guanto perduto e l’opera d’arte collettiva Ni perdidos, ni callados, gli spagnoli intervistati raccontano in modo originale la loro condizione di migranti, emblematica dei flussi migratori interni all’Europa.
griot-mag-Remix | Torna la rassegna di documentari legati alla migrazione europea e africana-en tierra extranaUltimo appuntamento della rassegna domenica 28 maggio, alle ore 20.30 e 22.30, con la proiezione del documentario Sponde. Nel sicuro sole del nord.

L’ingresso è gratuito con tessera ARCI.

Quando | dal 26 al 28 maggio

Dove | Cinema Il Kino, Via Perugia 34, Roma

SEGUI Griot Italia su Facebook e @griotmag su Instagram e Twitter

Immagine di copertina | Still di I Migrati, di Franscesco Paolucci

Vuoi segnalare un tuo progetto o news che vorresti leggere su GRIOT? Scrivi a info@griotmag.com

The following two tabs change content below.

GRIOT

Condividere. Ispirare. Diffondere cultura. GRIOT è una piattaforma, un collettivo di artisti, creativi e produttori culturali che celebrano e producono Arti, Cultura, Musica, Stile, legati all'Africa e alla sua diaspora, agli Italiani Africani, ad altre culture e contaminazioni, in Italia e nel mondo.