MOTHERLAND ▷Mélissa Laveaux | Di Radyo Sywèl e Edmonia Lewis

MOTHERLAND ▷Mélissa Laveaux | Di Radyo Sywèl e Edmonia Lewis


In questo nuovo episodio di MOTHERLAND ▷ la cantautrice queer haitiana-canadese Mélissa Laveaux ci porta in un viaggio alla scoperta delle sue radici e delle sue ispirazioni musicali.

Abbiamo incontrato Mélissa lo scorso luglio a Roma, durante la sua residenza artistica a Villa Medici – Accademia di Francia a Roma, mentre realizzava un progetto di ricerca su Edmonia Lewis, scultrice queer haitiana-americana che visse e lavorò nella capitale centocinquanta anni fa. Una residenza che si trasformerà in un album di canzoni legate a Edmonia Lewis e raccoglierà le testimonianze di alcuni creativi afroitaliani raccolte dalla stessa Mélissa.

Radyo Siwèl è il suo nuovo album, in uscita il prossimo 2 febbraio con l’etichetta No Format. Il progetto ruota intorno alle canzoni che venivano cantate dal popolo haitiano durante l’occupazione militare americana di Haiti dal 1915 al 1936. Attraverso la sua musica Mélissa esplora con orgoglio le sue radici e riporta in vita le storie, le canzoni, il lavoro e i sogni del foclore haitiano e della cultura Vudù.

Creato da | Celine Angbeletchy e  Johanne Affricot
Diretto da | Johanne Affricot
Camere | Marco Brunelli, Claudio Ceccarelli
Montaggio | Marco Brunelli

Motherland ▷ è la rubrica TV di GRIOT che racconta attraverso brevi documentari tutti quei personaggi del mondo della cultura, delle arti, della moda, della creatività e della società che ci ispirano di più. Dall’Africa e la sua diaspora. Dall’Italia. Dal mondo.

SEGUI GRIOT Italia su Facebook e griotmag su Instagram e Twitter | Iscriviti alla nostra newsletter

Vuoi segnalare un tuo progetto o news che vorresti leggere su GRIOT? Scrivi a info@griotmag.com

The following two tabs change content below.
Johanne Affricot

Johanne Affricot

Cultura, arti, musica, viaggi: vivrei solo di questo. "Culture curator e activator" per passione e missione. La curiosità è il mio pane quotidiano. Estremamente golosa, non provate mai a fare la scarpetta nel mio piatto: potrei anche mordere.