I Saw You | Abbiamo chiesto a Samito di parlarci del suo ultimo pezzo e video

I Saw You | Abbiamo chiesto a Samito di parlarci del suo ultimo pezzo e video


Maputo, Città del Capo e Montreal. Queste sono le città che hanno plasmato il suono di Samito. Di recente il cantautore mozambicano-canadese ha lanciato un nuovo video per la sua canzone I Saw You, una hit afro-elettro in pieno stile Samito.

La sua musica infatti è una miscela di mondo, dall’indie, all’elettronica, alla world music, generi che ha scoperto crescendo. Mi ha raccontato che al tempo aveva una workstation Korg Triton e che trascorreva una notevole quantità di tempo sequenziando tracce strumentali. “Ho sempre avuto una particolare ossessione con il mischiare groove differenti e farli funzionare insieme… penso proprio che sia  nato tutto da lì.”

Il percorso di Samito si divide tra Mozambico, Canada e Sud Africa. È nato e cresciuto a Maputo, ha studiato musica a Montréal, dove tuttora vive, ma ha anche trascorso del tempo a Cape Town. Questi diversi ambienti culturali hanno influenzato la sua crescita personale e artistica. “Ho avuto l’opportunità di incontrare persone provenienti da ambienti contrastanti e sono felice di aver imparato ad essere più tollerante verso le differenze culturali. Forse perché utilizzo sempre una buona dose di scetticismo nei confronti del concetto di identità culturale e le mie tracce sembrano in parte riflettere questa visione.” E non è un caso che sia anche un poliglotta. “Parlo cinque lingue e le uso in contesti diversi. Con la mia famiglia parlo tswa/portoghese mentre con la mia squadra francese,” mi rivela.

Le sue tracce sono un alternativo mix tropicale di influenze musicali, come si percepisce da I Saw You, una canzone che parla di un amore perduto, anche se mi ha confessato che solo il 20% della canzone si basa su esperienze di vita reale e che il resto sono solo parole. Però mi ha confidato che vorrebbe davvero trovare una cura per l’amore!

In questo pezzo accattivante spicca la voce di Mabika, performer e artista VFX, con il quale Samito ha collaborato  in molte occasioni. “Ho incontrato Mabika tramite il produttore Alexandre Bilodeau, AKA Nom De Plume, e da allora abbiamo iniziato a fare molte sessioni insieme. Oltre ad essere uno dei segreti musicali meglio custoditi di Montreal, Mabika è anche un incredibile allenatore di boxe. Io scambio sessioni in studio con classi di boxe.”

Samito vanta collaborazioni importanti come Pierre Kwenders, Nom De Plume, Kweku e molti altri. Recentemente ha anche lavorato con Daniel Haaksman, capo di Man Recordings – l’etichetta su cui è uscita I Saw You. “Ho incontrato Daniel l’estate scorsa su internet, poi abbiamo iniziato ad inviarci beats e a scambiare idee e alla fine ci siamo incontrati di persona al Reeperbahn Festival, ad Amburgo. Sono un grande fan della sua musica e presto torneremo in studio insieme.”

Al momento sta mettendo insieme nuove idee per il nuovo album, non è ancora sicuro, ma dice che potrebbe far uscire nuove canzoni molto presto. Inoltre si esibirà in Europa il prossimo autunno, perciò tenetelo d’occhio! Nel frattempo, godetevi I Saw You.

Immagine di copertina | via (c) Threeeyed 

SEGUI GRIOT Italia su Facebook, e @griotmag su Instagram e Twitter

Vuoi segnalare un tuo progetto o news che vorresti leggere su GRIOT? Scrivi a info@griotmag.com

The following two tabs change content below.

1 comment

Add yours

+ Leave a Comment