‘Dancing at Dusk’ | 38 danzatori da 14 paesi africani in scena con ‘La Sagra della Primavera’ di Pina Bausch

‘Dancing at Dusk’ | 38 danzatori da 14 paesi africani in scena con ‘La Sagra della Primavera’ di Pina Bausch


Una spiaggia di sabbia bianca. La luce che schiarisce dal cielo. Una ragazza sdraiata su un tessuto rosso. Il suono angoscioso di un fagotto che trafigge il silenzio. È così che è stata presentata per la prima volta al pubblico la straordinaria collaborazione tra la Fondazione Pina Bausch, l’École des Sables, a Toubab Dialaw (Senegal) e la compagnia londinese Sadler’s Wells, unitesi per dar vita a una nuova versione del pioneristico lavoro La sagra della Primavera (Le Sacre du printemps – The Rite of Spring), di Pina Bausch (1940 – 2009).
griot mag dancing at dusk germaine- acogny ecole de sables pina baush
Nel 1975 la coreografa e danzatrice tedesca presentò per la prima volta La sagra della Primavera, oggi considerato il suo lavoro più noto, insieme a Café Müller (1978). L’opera, ispirata al balletto con musica del compositore russo Igor’ Fëdorovič Stravinskij, al tempo provocò un trambusto nel mondo del balletto: trenta ballerini su un palcoscenico coperto di terra, a torso nudo o con abiti leggeri, misero in scena una coreografia essenziale e potente, rimasta nella storia.

Nel corso degli anni, riportare in scena questo lavoro è sempre stata un’avventura audace. E per la prima volta sarebbe stato eseguito da un ensemble di danzatori provenienti da paesi africani appositamente reclutati. Ma la pandemia Covid-19 ha interrotto il primo debutto ufficiale a Dakar,  pochi giorni prima della data stabilita, così come il tour dei Sadler’s Wells a Londra e in altri contesti europei, tra cui la Tanztheater Wuppertal Pina Bausch, in Germania.

Per la grande Germaine Acogny, considerata la madre della danza contempranea africana, co-fondatrice della straordinaria École des Sables, un centro per l’insegnamento e lo sviluppo della danza tradizionale e contemporanea africana, la prima esecuzione dell’opera è stata come una realizzazione. “Sono rimasta profondamente toccata e mi sono commossa,” ha affermato. “Avrei voluto che Pina fosse qui a vedere questa potente interpretazione.” Anche se i loro percorsi si sono incrociati solo poche volte, l’impresa rappresenta il culmine della sua relazione con una donna a cui si è sentita vicino per molto tempo. “Ho sentito che c’era una sinergia tra ciò che entrambe facevamo,” afferma Acogny. “Per me, La sagra della Primavera dovrebbe essere ballata da danzatori africani perché è qualcosa di universale. Quando ho ascoltato per la prima volta la musica Stravinsky, ho sentito dentro di me che era un rito africano.”
griotmag dancing at_ dusk germaine acogny ecole de sables pina baush“Portare La sagra della Primavera in spiaggia e girarla subito dopo il tramonto è stata una risposta spontanea alle conseguenze della pandemia Covid-19,” afferma Salomon Bausch, direttore esecutivo della Fondazione Pina Bausch. “È stato l’ultimo momento di condivisione in una crisi circondata dall’incertezza.” Alistair Spalding, direttore artistico di Sadler’s Wells, afferma che il film che è venuto fuori, con la sabbia che sostituisce la terra torbida su cui viene normalmente eseguita la danza, è la memorizzazione di “un momento potente, unico nel suo genere, che è molto in armonia con lo spirito di Pina Bausch.”

L’idea di questa versione di La sagra della Primavera è nata dalla Fondazione Pina Bausch, impegnata a mantenere in vita il lavoro di Bausch, sia preservando un archivio sia incoraggiando le nuove generazioni di danzatrici a esplorare le sue creazioni sotto la supervisione di ballerini che hanno lavorato con la coreografa stessa.

Salomon Bausch, il figlio, ritiene che questi “progetti di trasmissione” aiuteranno ad accrescere la comprensione di uno degli organi di lavoro più significativi e importanti del XX secolo. “Sono davvero curioso di sapere cosa c’è dentro questa eredità”, dice. “Che cos’è? Cosa significa oggi per le persone? Abbiamo bisogno di questi nuovi progetti in cui proviamo a provocare cose e imparare cose nuove, per fare le cose in modi che non abbiamo mai fatto prima. ”

Guardando le prove in Senegal, ha sentito che il progetto avesse raggiunto l’obiettivo. “Apre gli occhi su alcuni aspetti che non abbiamo mai visto prima, non solo nell’opera stessa, ma anche in termini di ciò che il lavoro fa alle persone che lo danzano”, dice nel film documentario realizzato per accompagnare questa proiezione.

Questo progetto era ambizioso ancor prima che la sua prevista anteprima al Théâtre National Daniel Sorano di Dakar fosse deragliata causa Covid. Più di 200 ballerini provenienti da tutto il continente hanno presentato i video delle audizioni a Josephine Ann Endicott e Jorge Puerta Armenta, ex danzatori del Tanztheater Wuppertal Pina Bausch che si occupano di questo nuova messa in scena. Centotrentasette sono stati invitati a partecipare a dei workshop in Burkina Faso, Senegal e Costa d’Avorio, e qui gli sono stati insegnati brani tratti dal materiale, per arrivare a un cast finale di 38 danzatori da 14 paesi africani. Quindi le prove sono state iniziate subito seriamente.
griotmag dancing at_ dusk- germaine acogny ecole de sables pina baush
I danzatori vengono da diversi stili e tecniche, il che ha reso il progetto emozionante e stimolante. “Sarà diverso,” afferma Acogny. “Ma questo è ciò che lo rende stimolante. Questi danzatori faranno ciò che fanno tutti i danzatori; interpreteranno il movimento di Pina Bausch.”

Il pezzo si basa anche su una totale immersione nella risposta viscerale di Bausch alla partitura e al tema. “Come danzeresti se sapessi che saresti morto?” si domandava, quando cercava di trovare i passi giusti per abbinare il potere elementale della musica. La sua risposta a questa domanda significa che La sagra della Primavera richiede uno straordinario impegno e una esposizione da parte dei suoi danzatori. Endicott osserva: “Corri con il tuo cuore e dimentica tutto ciò che hai imparato prima, vieni fuori e sii te stesso. Deve essere reale. Se alla fine non sei sfinito, non l’hai danzato correttamente. “

I danzatori in Senegal hanno assorbito questo approccio in profondità, nelle loro menti e nei loro corpi. Come osserva Serge Arthur Dodo, uno dei danzatori: “Quando guardiamo i video o osserviamo i movimenti che ci danno, è chiaro che vogliamo farlo come loro, ma direi che per me si tratta di essere me stesso. Si tratta di essere in grado di prendere ciò che ci danno e farlo nostro.”

Questa certezza è caratteristica di questa opera. Si rifà all’eredità di Bausch e mette in evidenza un modo per presentare il suo lavoro in futuro. Come osserva Alistair Spalding: “È davvero uno scambio. Porta questo repertorio nel Continente dove raramente è stato visto prima. E il pubblico di tutto il mondo ha la possibilità di vedere danzatori diversi e uno spirito diverso. C’è una passione molto forte per questo progetto ”.

Germaine Acogny è d’accordo.Dà a questi danzatori un’apertura e una curiosità di fare cose diverse da quelle a cui sono abituati. Li farà crescere.” Per Jo Ann Endicott è stata “una sfida meravigliosa, un’esperienza meravigliosa. È il momento giusto che accada qualcosa di simile.”

Tutte le persone coinvolte si impegnano a portarlo sui palcoscenici di tutto il mondo quando i teatri riapriranno, quando il blocco verrà sollevato. Ma per ora, Dancing at Dusk è la registrazione di un particolare momento nel tempo, poco prima che il mondo si fermasse, ma la danza continuava.

‘Dancing at Dusk’ è disponible on demand fino alle 11:00 GMT del 31 luglio, al costo di £5 (€ 5,50). Lo trovate qui, sul palco digitale di Sadler’s Wells. Guarda il trailer.

Segui GRIOT Italia su Facebook e @griotmag su Instagram e Twitter | Iscriviti alla nostra newsletter

The following two tabs change content below.

GRIOT

Condividere. Ispirare. Diffondere cultura. GRIOT è una piattaforma, un collettivo di artisti, creativi e produttori culturali che celebrano e producono Arti, Cultura, Musica, Stile, legati all'Africa e alla sua diaspora, agli Italiani Africani, ad altre culture e contaminazioni, in Italia e nel mondo.