‘The boys who love flowers’ è la serie che sfida l’ipermascolinità a mazzi di fiori

‘The boys who love flowers’ è la serie che sfida l’ipermascolinità a mazzi di fiori


Ancora oggi i colori “azzurro per i maschi, rosa per le femmine” vengono usati per indicare il genere di neonati e bambini piccoli, un’associazione mentale talmente radicata nel nostro bagaglio di informazioni che anche quando le persone si trovano di fronte a costruzioni sociali quali l’ipermascolinità, difficilmente riescono a interpretarle come tali e a spostarsi su binari differenti.

L’ipermascolinità, poi, molto spesso accompagna la rappresentazione dell’uomo nella sua sfera pubblica e privata, incasellandolo in forme di identità che non rispondono necessariamente alla sua. Ciò ha creato a molti non pochi disagi emotivi e condizionamenti psicologici, soprattutto quando si parla di uomini di etnia africana.

griot mag _the man who loved flowers brandon stanciell_3

Per molti è difficile, infatti, accettare forme di rappresentazione del maschio nero le cui caratteristiche si discostano dall’immaginario collettivo: maschio etero, macchina del sesso, forte.
griot mag -The Man Who Loved Flowers | Brandon StanciellIl film vincitore di 3 premi Oscar e 1 Golden Globe Moonlight (2016), ha avuto il merito di svuotare, in parte, questi stereotipi, regalandoci un’emozionante raffigurazione dell’uomo nero da un’angolazione diversa, un’angolazione con cui le grandi masse non hanno mai familiarizzato abbastanza.

E la stessa cosa fa la serie The Boys Who Love Flowers (2014) del fotografo californiano Brandon Stanciell, che ha scelto i fiori come medium per mostrare il lato più sensibile dei ragazzi neri, restituendogli quell’umanità e delicatezza di cui spesso sono spogliati.
griot mag The Man Who Loved Flowers | Brandon Stanciellgriot mag- the man -_who loved flowers brandon stanciellgriot mag The Man Who Loved Flowers Brandon Stanciell“Credo che fotografare uomini con fiori invece che con oggetti prettamente maschili aiuti realmente a risolvere questa mentalità dell’iper-mascolinizzazione dell’uomo. E aiuta anche ad abbattere questa visione stereotipata che le persone hanno degli uomini neri. Veniamo costantemente ritratti come oggetti iper-mascolini, mentre molti di noi nella realtà non lo sono. Se si riesce a vedere questo approccio positivo nei vari media, sicuramente poterà un beneficio a tutti noi.”

E sull’utilizzo dei fiori come mezzo per raggiungere il suo obiettivo, ha affermato: “Penso che i fiori e i loro colori portino con sé un senso di gioia e di calma, perché è un qualcosa che ho vissuto in prima persona. Ho scattato questi ritratti su un muro bianco a downtown Los Angeles, a un isolato da Skid Row [Central City East], noto per essere un quartiere pieno di senzatetto, e le persone che passavano si avvicinavano e mi dicevano quante fosse bello e positivo quello che stavo facendo e creando.”
griot mag- the_ man_ who- loved -flowers brandon stanciellgriot mag- the_ man_ who- loved flowers brandon stanciellgriot mag- the_ man_ -who- loved flowers brandon stanciellgriot mag- the -man who- loved flowers brandon stanciellgriot -mag -The boys -Who love Flowers | Brandon Stanciellgriot mag- the man who- loved flowers brandon stanciellgriot_ mag- the_ man_ who- loved flowers brandon stanciell

griot -mag- the_ man_ who- loved flowers brandon stanciellgriot_ mag- the_ man_ who_ loved flowers brandon stanciell

Qui trovate il libro che raccoglie la serie di ritratti realizzati da Stanciell.

Segui Brandon su Instagram

SEGUI GRIOT Italia su Facebook e griotmag su Instagram e Twitter | Iscriviti alla nostra newsletter

Tutte le immagini | Brandon Stanciell

Vuoi segnalare un tuo progetto o news che vorresti leggere su GRIOT? Scrivi a info@griotmag.com

The following two tabs change content below.
Johanne Affricot

Johanne Affricot

Cultura, arti, musica, viaggi: vivrei solo di questo. "Culture curator e activator" per passione e missione. La curiosità è il mio pane quotidiano. Estremamente golosa, non provate mai a fare la scarpetta nel mio piatto: potrei anche mordere.