Bombino è il primo artista del Niger ad essere nominato ai Grammy

Bombino è il primo artista del Niger ad essere nominato ai Grammy


La stagione delle premiazioni è di nuovo alle porte e i Grammy, gli Oscar della Musica, sono previsti per inizio febbraio. Come al solito, l’anticipazione è alle stelle per gli artisti nominati, e le voci di cronaca—dai fan e per i fan—stanno a pieno titolo cercando di prevedere i vincitori. Un premio del genere può cambiare significativamente la sorte degli artisti che lo ricevono e, quest’anno, uno degli artisti ad essersi meritati questa opportunità è Bombino, il musicista nigerino nominato per la categoria “Best World Music Album” per il suo sesto disco, Deran.

Tutti i candidati che figurano nella categoria insieme a Bombino—Fatoumata Diawara, Seun Kuti, Soweto Gospel Choir e Yiddish Glory—sono altrettanto meritevoli, ma la nomination di Bombino spicca per importanza, in quanto è la prima volta che un musicista del Niger viene nominato per il prestigioso premio.

Nonostante ciò, il Niger ha una tradizione musicale molto ricca e la nomination ai Grammy di uno dei suoi artisti può essere spiegata, in parte, dall’ambiguità e dalla natura confusa e imprecisa della categoria “World Music”. Il patrimonio musicale del Niger è antico e unisce le influenze Tuareg con un bagaglio di tradizioni sonore provenienti da una moltitudine di gruppi linguistici che risiedono lungo il fiume Niger nell’Africa occidentale. Detto questo, la musica di Bombino  può difficilmente essere considerata rappresentativa del Niger, piuttosto, è un buon esempio del ricco paesaggio sonoro da cui emerge, che comprende anche la regione del Sahel e il vasto Sahara.

Parlando con Okayafrica dopo aver ricevuto la notizia della sua nomination, Omara Moctar—il vero nome del cantante—era esaltato. Essendo già famoso nel settore come uno dei più grandi chitarristi blues al mondo, la nomination servirà solo ad aumentare il suo pubblico globale, introducendo nuovi ascoltatori al suo suono distintivo. Nonostante il successo dei suoi vari album, Deran è stato elogiato come il disco che meglio dimostra le abilità di Bombino, quindi non sorprende che sia anche quello che ha ottenuto una nomination ai Grammy.

Fedele alla sua eredità, Bombino sottolinea che “la musica non ha confini,” motivo per cui la vede come lo strumento ideale per predicare la pace—riferendosi alla regione da cui proviene che in passato è stata colpita dalla guerra. I Tuareg vivono in Niger, Mali, Libia, Algeria e Burkina Faso, e spesso hanno subito le conseguenze della guerra anche quando il conflitto in questione non era nel loro paese. È questa situazione che ha incoraggiato Bombino, che ha vissuto in esilio, ad usare la sua musica per difendere la pace nella regione.

Pubblicato a maggio 2018, Deran ha rapidamente scalato le classifiche mondiali di iTunes, infatti Bombino sta svolgendo un importante tour negli Stati Uniti che lo vedrà viaggiare in tutto il paese fino a giugno di quest’anno e, se vincesse il premio, potrebbe dover estendere il tour per far fronte a tutte le nuove richieste. Quella di Bombino è sicuramente una nomination ai Grammy ben meritata, che arriva in un momento cruciale della carriera del musicista e del raggiungimento del suo obiettivo di fare musica con un messaggio. Deran è disponibile su tutte le piattaforme di streaming musicale.

SEGUI GRIOT Italia su Facebook e griotmag su Instagram e Twitter | Iscriviti alla nostra newsletter

Vuoi segnalare un tuo progetto o news che vorresti leggere su GRIOT? Scrivi a info@griotmag.com

The following two tabs change content below.

GRIOT

Condividere. Ispirare. Diffondere cultura. GRIOT è una piattaforma, un collettivo di artisti, creativi e produttori culturali che celebrano e producono Arti, Cultura, Musica, Stile, legati all'Africa e alla sua diaspora, agli Italiani Africani, ad altre culture e contaminazioni, in Italia e nel mondo.