Biennale Venezia 2017 | La pelle di Carlos Martiel è un terreno di scontro

Biennale Venezia 2017 | La pelle di Carlos Martiel è un terreno di scontro


Utilizzando il corpo, gli oggetti materiali, il tempo e lo spazio che ci circonda, l’artista, in ogni performance, si fa arte. E immedesimandosi nell’opera, dà vita alla propria creazione senza lasciare spiragli di distinzione tra sé e l’azione artistica.

griot-mag-Biennale Venezia 2017 | La pelle di Carlos Martiel è un terreno di scontro_4

Punto di Fuga (Vanishing Point); Nitsch Museum, Napoli (2015) – (c) Amedeo Benestante via carlosmartiel.net

La performance, seppur nella sua dimensione effimera – al contrario di un dipinto muore una volta conclusa, a meno che non intervenga la fotografia o il video,– lascia tracce nello spazio e talvolta, nelle azioni più violente, lascia segni anche sul corpo.

Il giovane artista cubano Carlos Martiel porta addosso cicatrici di queste azioni, dove la soggezione del corpo è al centro delle sue performance.

Sdraiato in posizione fetale e cosparso di insetticida; anestetizzato e disteso su una barca mentre questa va alla deriva; coperto di fango e bastonato da un gruppo di persone; in piedi, al centro di una sala, con fili di lana cuciti sul suo corpo e attaccati ad un muro.

griot-mag-Biennale Venezia 2017 | La pelle di Carlos Martiel è un terreno di scontro

Punto di Fuga (Vanishing Point); Nitsch Museum, Napoli, Italia, 2015 (c) Amedeo Benestante via carlosmartiel.net

Azioni artistiche crude e provocatorie che, inserendosi nel dibattito politico e sociale, denunciano il razzismo e la repressione, le discriminazioni e l’abuso di potere, la brutalità della polizia e la negligenza degli Stati nell’affrontare la crisi migratoria.

Contraddizioni dell’essere umano che oltre a strappare il tessuto sociale – creando ferite e cicatrici difficili da rimarginare – penetrano nel corpo di Martiel, dove la pelle è il terreno di scontro di queste ingiustizie laceranti.

In Trophy, una performance presentata lo scorso luglio al Padiglione D’Arte Contemporanea di Milano, Carlos Martiel ha voluto denunciare il trattamento disumano del colonialismo e del neo-colonialismo, nei confronti delle popolazioni pre-colombiane e quelle latine.

Nudo, l’artista è rimasto disteso in posizione fetale, trafitto da una freccia sul fianco destro. Una freccia nella carne… Un’immagine che riecheggia quelle di San Sebastiano, e rimanda a sua volta, se si aggiunge il filtro “blackness” alla lente di lettura, a quella di Ali sull’Esquire.

griot-mag-Biennale Venezia 2017 | La pelle di Carlos Martiel è un terreno di scontro_3

Trophy, Padiglione d’Arte Contemporanea (PAC), Milano (2016) – (c) Annamaria La Mastra via carlosmartiel.net

griot-mag-Biennale Venezia 2017 | La pelle di Carlos Martiel è un terreno di scontro_7

Ma a differenza del martire e del pugile, Carlos Martiel è disteso e, benché trafitto, non è oggetto di persecuzione. Offrendo infatti il suo corpo in maniera quasi ritualistica, l’artista si è fatto portatore delle ingiustizie che affliggono le persone. Il corpo di Martiel – nero, ma universale – racconta i fallimenti dell’esistenza umana.

Da poco conclusasi la sua prima personale italiana, alla galleria Rossmut di Roma, Carlos Martiel ritorna in Italia – l’artista è tra i selezionati per il Padiglione di Cuba alla 57esima Biennale d’arte di Venezia (13 maggio – 26 novembre 2017.) Per l’occasione, venerdì 12 maggio Martiel realizzerà una nuova performance intitolata ‘Mediterraneo’.

di Theophilus Marboah

SEGUI GRIOT Italia su Facebook e @griotmag su Instagram e Twitter

Immagine di copertina Expulsion, Quinta Biennale d’Arte Contemporanea di Salonicco, Grecia (2015) – (c) Dimitris Mermigas

Vuoi segnalare un tuo progetto o news che vorresti leggere su GRIOT? Scrivi a info@griotmag.com

The following two tabs change content below.

GRIOT

Condividere. Ispirare. Diffondere cultura. GRIOT è una piattaforma, un collettivo di artisti, creativi e produttori culturali che celebrano e producono Arti, Cultura, Musica, Stile, legati all'Africa e alla sua diaspora, agli Italiani Africani, ad altre culture e contaminazioni, in Italia e nel mondo.

1 comment

Add yours

+ Leave a Comment