AVANTgarden | FKA Twigs lancia il suo magazine su Instagram

AVANTgarden | FKA Twigs lancia il suo magazine su Instagram


Sono passati tre anni dall’uscita di LP1, l’album di esordio di FKA Twigs, tra le artiste (made in UK e Giamaica) più interessanti in circolazione. Un lavoro che ha confermato le sue grandi capacità artistiche. Un progetto in cui l’estetica e il linguaggio visivo ricoprono un ruolo importante e giocano in maniera armonica e lineare con le sonorità, la voce e i movimenti della cantante, producer e ballerina ventinovenne. Al momento sta lavorando al suo secondo album.

La sua è una musica per orecchie attente e le sfumature che abbraccia passano dall’elettronica, al trip hop, all’R&B, all’avant-garde.

Ed è proprio AVANTgarden (con una n finale in più) che si chiama il magazine lanciato su Instagram da Tahliah Debrett Barnett (questo il suo vero nome.)

Il primo numero, ROOTS • SCHOK • BEAUTY, è legato all’arte delle trecce ed è intimamente connesso al suo essere nera, tema rimasto tabù dal 2014, anno in cui dopo che la sua relazione con l’attore di Twilight Robert Pattinson divenne di dominio pubblico, FKA fu oggetto di pesanti attacchi razzisti online.

In una recente intervista con Dazed, la Twigs spiega alcuni passaggi fondamentali che l’hanno portata a realizzare questo progetto su Instagram.

L’uso di Instagram come piattaforma è una scelta dettata dal suo carattere schivo e riservato. La Twigs infatti afferma di non sentirsi molto a suo agio con i social. “Sono una persona molto riservata e non mi sento a mio agio nel condividere fatti personali tutti i giorni. Lo trovo così invadente e strano. Ma se posso metterci una buona dose di creatività, immaginazione e mantenere un certo contollo sulla cosa, allora mi sento serena.”

“Ho pensato che sarebbe stato molto più di impatto creare una cosa del genere piuttosto che postare una foto con sotto un testo, oppure ritwittare qualcosa. Ho pensato che potrebbe far nascere una conversazione. Credo che rappresenti il mio modo onesto di interagire con le persone che mi seguono senza dovermi sentire infastidita. Perchè non creare qualcosa che possa unire la comunità artistica?”

Tutte le immagini della prima issue sono state scattate a casa di FKA. La persona che si è occupata delle acconciature è Rio Sreedharan, hair stylist che da circa un anno segue l’artista. “È molto interessante lavorare con una persona che si preoccupa così tanto di proteggere i miei capelli. Quando ho inziato questo mio percorso di artista, quattro anni fa, i miei capelli si sono accorciati. Questo perchè hai sempre mille persone diverse che li toccano, li maneggiano e usano il calore. Lavorare con Rio ha cambiato le cose ed è velocissimo a fare le trecce. Ha fatto tutti questi stili per il magazine in un solo giorno. Dieci persone con acconciature diverse in 7 ore.”
griot mag AVANTgarden - FKA Twigs lancia il suo magazine su Instagram copyFKA Twigs ha deciso di dedicare il primo numero di AVANTgarden ai capelli, partendo dalla sua storia personale. “Essendo figlia di una coppia mista, ho una relazione molto complicata con i miei capelli. Per la gente di colore, il tipo di capello [afro] che hai è un affare importante. Quando andavo a scuola ne ho sentite di storie orribili di ragazze alle quali i professori chiedevano di togliersi le treccine.”

“Credo sia importante conoscere le nostre radici perchè si finice con il conoscere molte cose. Una delle ragazze, Chanel, racconta che lo stile di capelli che si vede nel magazine deriva dalla tribù di sua nonna – la tribù Ashanti, in Ghana. Quando me lo ha raccontato, l’ho trovata una cosa speciale. È stato bello scoprire l’eredità culturale delle trecce perchè naturalmente trecce diverse significano cose diverse. Ci sono dei tipi di stili di trecce che significano fertilità, o servono a mandare un segnale che ti vuoi sposare. Sapevi che i cornrows [treccine intrecciate alla cute che Fka porta spesso] sono uno stile che gli schiavi usavano per disegnare le mappe da usare per poter fuggire dalle piantagioni? Questa cosa è orribile ma mi fa essere fiera di loro. Attraverso le trecce alcuni trovarono la loro libertà. Ecco perchè credo che la comunità dovrebbe sentirsi libera di indossare le trecce con un completo elegante e andare bene lo stesso.”

AVANTgarde è uno spazio che l’artista anglo-giamaicana usa per raccontare se stessa, per creare con i suoi amici, per abbracciare il suo essere, per esprime il suo senso dell’umorismo e mostrare altri lati più umani e divertenti della sua personalità che non emergono dalle campagne pubblicitarie, dalle sue performance o dalla sua musica.

Il magazine uscirà tutti i mesi (più o meno volte) e di volta in volta presenterà contenuti diversi.”Potrei fare un numero solo sui gatti. Penso che questo progetto rappresenti un mio modo di tornare a creare con poco budget. Vengo da un modo di lavorare molto Punk e tutti i miei primi video eravamo io e i miei amici a girare nel salone di casa mia.”

Leggete l’intevista completa qui.

SEGUI GRIOT Italia su Facebook e griotmag su Instagram e Twitter

Immagine di copertina | via instagram

Vuoi segnalare un tuo progetto o news che vorresti leggere su GRIOT? Scrivi a info@griotmag.com

The following two tabs change content below.
Johanne Affricot

Johanne Affricot

Arte, viaggi, fotografia, musica, pop culture. Vivrei solo di questo. "Culture activator" per passione e missione. La curiosità è il mio pane quotidiano. Estremamente golosa non provate mai a fare la scarpetta nel mio piatto. Potrei anche mordere.